A- A A+

Papa chiede perdono per l'indifferenza verso i migranti

Papa Francesco a Lampedusa chiede “perdono per l’indifferenza verso tanti fratelli e sorelle”, “perdono per chi si è accomodato, si è chiuso nel proprio benessere che porta all’anestesia del cuore”, per “coloro che con le loro decisioni a livello mondiale hanno creato situazioni che conducono a questi drammi”. Lo ha fatto durante la celebrazione eucaristica nello stadio di Lampedusa, nel suo primo viaggio fuori dalla diocesi di Roma, un viaggio storico. Un viaggio iniziato con il lancio di una corona di crisantemi nel mare di Lampedusa, un mare dove sono morti migliaia di persone negli ultimi anni, durante la loro traversata per raggiungere le coste italiane. “Immigrati morti in mare, da quelle barche che invece di essere una via di speranza sono state una via di morte”, ha detto spiegando la decisione di venire a Lampedusa: “quando alcune settimane fa ho appreso questa notizia, che purtroppo tante volte si è ripetuta, il pensiero vi è tornato continuamente come una spina nel cuore che porta sofferenza. E allora ho sentito che dovevo venire qui oggi a pregare, a compiere un gesto di vicinanza, ma anche a risvegliare le nostre coscienze perché ciò che è accaduto non si ripeta”. E commentano le letture della massa, scelte direttamente dal papa, ha detto che “tanti di noi, mi includo anch’io, siamo disorientati, non siamo più attenti al mondo in cui viviamo, non curiamo, non custodiamo quello che Dio ha creato per tutti e non siamo più capaci neppure di custodirci gli uni gli altri.

E quando questo disorientamento assume le dimensioni del mondo, si giunge a tragedie come quella a cui abbiamo assistito”. Le persone morte prima di arrivare sulle nostre coste “cercavano di uscire da situazioni difficili per trovare un po’ di serenità e di pace; cercavano un posto migliore per sé e per le loro famiglie, ma hanno trovato la morte. Quante volte coloro che cercano questo non trovano comprensione, accoglienza, solidarietà! E le loro voci salgono fino a Dio!”. E a braccio ha detto che queste persone subiscono violenza a causa dei trafficanti che “sfruttano la loro povertà”. Per queste persone “la povertà degli altri è fonte di guadagno". Ha sottolineato dopo aver ricordato le parole ascoltate poco prima da un immigrato eritreo che sul molo Favaloro gli aveva detto di essere stato rapito dai trafficanti. “Chi è il responsabile del sangue di questi fratelli e sorelle? Nessuno! Tutti noi – ha detto il Papa - rispondiamo così: non sono io, io non c’entro, saranno altri, non certo io. Ma Dio chiede a ciascuno di noi: ‘Dov’è il sangue di tuo fratello che grida fino a me?’.

Oggi nessuno si sente responsabile di questo; abbiamo perso il senso della responsabilità fraterna; siamo caduti nell’atteggiamento ipocrita del sacerdote e del servitore dell’altare, di cui parla Gesù nella parabola del Buon Samaritano: guardiamo il fratello mezzo morto sul ciglio della strada, forse pensiamo ‘poverino’, e continuiamo per la nostra strada, non è compito nostro; e con questo ci sentiamo a posto. La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere in bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l’illusione del futile, del provvisorio, che porta all’indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell’indifferenza. Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro, non ci riguarda, non ci interessa, non è affare nostro!”. E citando la figura dell’Innominato del romanzo dei Promessi Sposi del Manzoni ha sottolineato che la “globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti ‘innominati’, responsabili senza nome e senza volto”. Papa Francesco, pensando ai morti si è chiesto chi ha pianto per questo fatto e per fatti come questo. “Siamo una società che ha dimenticato l’esperienza del piangere”, ha detto con forza papa Bergoglio, del “patire con”: “la globalizzazione dell’indifferenza!”. “Domandiamo al Signore – ha pregato il Papa - la grazia di piangere sulla nostra indifferenza, sulla crudeltà che c’è nel mondo, in noi, anche in coloro che nell’anonimato prendono decisioni socio-economiche che aprono la strada a drammi come questo”.

Papa Francesco ha rivolto anche un pensiero e una parola “di sincera gratitudine e di incoraggiamento” agli abitanti di Lampedusa e Linosa, alle associazioni, ai volontari e alle forze di sicurezza, per aver “mostrato attenzione a persone nel loro viaggio verso qualcosa di migliore. Voi siete – ha detto - una piccola realtà, ma offrite un esempio di solidarietà!”. Ha ringraziato quindi il sindaco e l’arcivescovo di Agrigento e presidente della Commissione Cei per le Migrazioni e della Fondazione Migrantes, mons. Francesco Montenegro per l’impegno profuso e ha rivolto un pensiero ai “cari immigrati musulmani che stanno iniziando il digiuno di Ramadan, con l’augurio di abbondanti frutti spirituali. La Chiesa – ha sottolineato - vi è vicina nella ricerca di una vita più dignitosa per voi e le vostre famiglie”.Alla celebrazione hanno partecipato circa 15.000 persone. Papa Francesco era arrivato al campo sportivo dell’Isola su una campagnola scoperta, salutato al passaggio dalla folla. In prima fila, tra i fedeli, i migranti. Al termine della Messa, il Papa raggiungerà in auto la Parrocchia di San Gerlando per una breve sosta. Quindi, alle ore 12.30, lascia la Parrocchia e si trasferisce in auto all’aeroporto di Lampedusa da dove, alle ore 12.45, parte per rientrare a Roma.

Fonte: http://www.migrantesonline.it/pls/siti/V3_S2EW_CONSULTAZIONE.mostra_pagina?id_pagina=11758&rifi=guest&rifp=guest - 08.07.2013

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

EU agency fears human trafficking during Euro 2012

COMPARTILHE

The European Union's external border agency has deployed dozens of officers to Poland's eastern border and various travel hubs across Europe to fight human trafficking and other forms of smuggling during the European football (soccer) championship.

Leia mais...

Immigrazione. In Ue si alzano muri di parole e mattoni

COMPARTILHE

L’Europa non è coesa in tema d’immigrazione e in molti casi mostra chiusura dietro un apparente desiderio di confronto. L’Ungheria ha addirittura annunciato la creazione di un muro lungo il confine con la Serbia. Il servizio di Massimiliano Menichetti:

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook