A- A A+

Alunni stranieri. Carrozza: "Metà sono nati qui, sono davvero stranieri?"

Il ministro dell’Istruzione: “Il tetto del 30% è un’indicazione generale che in casi particolari può non essere rispettata. Investiamo nella formazione degli insegnanti”

Roma – 19 settembre 2013 – “Il diritto allo studio è universale, che spetta a tutti i bambini, che provenienze diverse, lingue diverse, culture diverse sono un'opportunità, non un disvalore, rappresentano una ricchezza”.

Ne è convinta il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza. Che aggiunge: “è ovvio che quando ci sono eccessivi squilibri bisogna intervenire. Ma non sarà il ministero a farlo con provvedimenti generali, si interverrà caso per caso”.

Il tetto del 30% di alunni stranieri fissato dalla circolare Gelmini, spiega oggi al Corriere della Sera, per il momento non verrà eliminato. “È un'indicazione generale – sottolinea però il ministro - che nei casi particolari, e già succede, può non essere rispettata date le oggettive condizioni socio-territoriali”. Bisogna però fare una distinzione: “Non possiamo considerare allo stesso modo degli altri i figli di immigrati che nascono in Italia o che sono arrivati piccolissimi da noi e conoscono la lingua quando cominciano le primarie”.

“I nostri istituti di valutazione – ricorda Carrozza - hanno verificato che spesso le performance degli allievi con cittadinanza non italiana sono simili a quelle degli italiani. Nella scuola italiana ci sono 736 mila alunni con cittadinanza straniera ma la metà sono nati in Italia. Sono stranieri?”.

“Posso capire le preoccupazioni dei genitori, è chiaro – ribadisce il ministro - che le classi vanno formate con equilibrio, non ci possono essere classi con troppi stranieri o con zero stranieri ma ripeto che i casi singoli vanno trattati singolarmente, resta alla scuola e al ministero il compito di investire nella formazione degli insegnanti perché possano dare un supporto ai ragazzi e alle famiglie e continuare il cammino verso l'integrazione”.

“Una parte dei fondi che il decreto scuola votato dal governo destinerà alla formazione degli insegnanti andrà speso in questa direzione. L'Italia – conclude - deve avere il coraggio di imparare dalla nostra scuola, i Paesi che vincono sono quelli che stanno vincendo la sfida dell'integrazione e della multiculturalità a partire dalla formazione scolastica”.

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-alunni_stranieri._carrozza_meta_sono_nati_qui_sono_davvero_stranieri_17739.html 19.09.2013

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Inside a S. Sudanese Refugee Camp: New Born Gives Hope for a Better Future

COMPARTILHE

 There was a sense of loss and despair among the thousands of south Sudanese who poured into this small border town, as the sun was setting, and NOGS are busy trying to prepare shelter and provide basic services for the refugees. It was a scene of panic and emergency. But people were almost settled.

Leia mais...

Agências da ONU promovem oficina em Brasília sobre direitos de mulheres refugiadas e migrantes

COMPARTILHE

Na Universidade de Brasília (UnB), a Agência das Nações Unidas para Refugiados (ACNUR) e a ONU Mulheres realizaram ao final de junho (29) uma oficina sobre igualdade de gênero e os direitos das mulheres. Formação foi voltada para pessoas refugiadas e migrantes e reuniu cerca de 40 pessoas. Iniciativa foi realiza em parceria com o Instituto Migrações e Direitos Humanos (IMDH).

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook