A- A A+

L'ossessione dei nuovi barbari

di Francesco Merlo

Non credo che la legge consenta il sequestro preventivo di un giornale che commette ogni giorno istigazione al razzismo. E sospetto che ai disperati della Padania questo farebbe piacere. So che sicuramente bisognerà ricordarsi la data di ieri. La pubblicazione sul quotidiano leghista della rubrica razzista "Qui Cécile Kyenge" segna infatti il superamento di un'altra soglia di civiltà.

Il superamento di un altro punto di non ritorno della barbarie italiana, che rimanda più ad atmosfere di dissoluzione antropologica che al putsch fallito della birreria di Monaco. Con la loro nota furbizia pavida, il leader Matteo Salvini e la direttrice responsabile del giornale Aurora Lussana, capi di una gagliofferia ridotta ormai a minoranza di violenti, dicono che è "solo informazione sull'attività del governo" elencare ogni giorno tutti gli appuntamenti della signora che, sempre ieri, al Senato è stata definita ministra "della negritudine" e accusata di "demenza" dal capogruppo Massimo Bitonci.

Eh, già: non è mica colpa di Salvini e della direttrice se ormai, dovunque vada, la ministra viene oltraggiata dai razzisti di una Lega sempre più in calo di consensi, un partito corroso dagli scandali e ridotto al nocciolo duro della xenofobia, agli ultras che non riescono a riempire le piazze ma le incendiano: a Torino a sostenere il governatore Roberto Cota e la sue mutande verdi erano meno di mille.

Costretti per la verità a misurarsi con le rumorose organizzazioni della peggiore marginalità di estrema destra, i capetti di questa Lega si compiacciono, con risatine da osteria, nell'esibire l'elenco delle mascalzonate contro la Kyenge, dal lancio di banane all'esposizione di manichini insanguinati, ai cori "fuori dai coglioni". E ora accentuano l'allusione intimidatoria dicendo ammiccanti che "gli spostamenti della Kyenge stanno già sul sito del ministero" quasi fosse anche il loro giornale, come quel sito, uno strumento di consultazione e non un laboratorio di militanza. Aggravano insomma il significato persecutorio dell'iniziativa parlando di "un servizio ai lettori della Padania che sono curiosi e vogliono andare ad ascoltare il ministro". Ci fosse qualche omissione nella rubrica c'è dunque il self service: i lanciatori di banane possono informarsi da soli e preparare alla signora l'accoglienza che merita "un orango", "un'esponente del governo bongo bongo" , "una degna di essere stuprata", "una straniera seguace della poligamia"... Tutto questo pasticcio paranoico è stato bene espresso dal solito Mario Borghezio, che ieri sera si è precipitato alla Zanzara, il suo fondaco abituale, la trasmissione di grande successo di Radio 24, microfono aperto degli urlatori, che svela l'Italia più dei sondaggi e più dell'Istat: "Buona caccia ai cacciatori padani. È una rubrica dedicata ai cacciatori padani per cercare il leprotto Kyenge... ". A Borghezio l'idea pare "brillante, salviniana e futurista". Ecco: sembrano deliri alcolici con Salvini, Bitonci, Lussana e Borghezio che si muovono in combriccola. È una gang di bulli squinternati, un sostenersi reciprocamente nel buio.

Come si vede, non è solo un ritorno alle origini del movimento, che per più di venti anni è stato importante nel Paese: qui c'è la consapevolezza di avere perso la partita e dunque la necessità di buttare in aria il tavolo. La Lega ha bisogno di provocare la rissa dentro cui legittimare lo scacco. E il razzismo, che si eccita davanti al colore della pelle della Kyenge, è la riserva aurea di chi non ha più nulla, l'ultimo dente del forcone. Perciò fa bene la Kyenge a smontarli ora con l'indifferenza e ora con l'ironia: "La Padania chi?". E non è uno sberleffo ribaldo come il famoso "Fassina chi?" di Renzi, ma è un banale certificato di inesistenza geografica e storica, una stanchezza personale che non è sottovalutazione perché la Kyenge sa che il razzismo rimane una brutta bestia anche quando non è accompagnato da studi genetici, teorie moebiusiane, e neppure delle dotte corbellerie d'antan del professore Miglio sul popolo lombardo.

È vero che non è questo il primo naufragio professionale del giornalismo usato come manganello. Abbiamo infatti visto altri tentativi di mettere in piedi le gogne. Recentemente il blog di Grillo è stato attrezzato come plotone d'esecuzione con il giornalista Travaglio nel ruolo qui interpretato dalla direttrice della Padania, la picchiatrice onesta che istiga e nega, perseguita e fa finta di informare, impagina e sbianchetta: "Non c'è mica scritto andate a picchiare la Kyenge. Noi siamo contro la violenza". Perbacco. Che cos'è questo giornalismo? Di sicuro non è più il mestiere di informare, neppure i lettori di un partito; non c'entrano nulla le notizie, i commenti e le opinioni che, per quanto fegatose ed espresse con linguaggio maleducato o smodato, sono comunque lecite e qualche volta necessarie.

E qui c'è in più il razzismo che da patologia sociale è diventato l'ossessione come unica linea politica. Lo spasmo bilioso che alimentò il mito fondativo della Lega è la sua ultima trincea. Si spiegano così l'invito allo stalking e la proposta, non esplicita ma chiara, della punizione collettiva. In questa istigazione agli atti persecutori aggravati dalla discriminazione razziale c'è ovviamente l'insidia dell'agguato, il presagio dello scontro fisico: "Venga al nord, ministro, la aspettiamo e la accogliamo molto volentieri con delle belle sorprese. D'altra parte lei è un oracolo, tutti i giorni ci dà delle lezioni" ha aggiunto quel diavolo goffo di Borghezio.

In Italia c'è purtroppo una sacca di marciume e c'è un nesso tra le minacce orribili dei No Tav al senatore del Pd Stefano Esposito e al cronista della Stampa Massimo Numa, l'incitamento alla lapidazione degli avversari e dei giornalisti, la voglia di colpire le singole persone, le minacce degli animalisti ai ricercatori scientifici, sino agli insulti a Caterina Simonsen, affetta da una malattia genetica: "Puoi morire anche domani". In questo senso la rubrica razzista di un giornale contro la ministra nera rimanda ai metodi della guerra civile, alimenta un rumore crescente che nel Paese sovrasta l'intelligenza, simula e surroga il temibile passo cadenzato.

Fonte: http://www.repubblica.it/

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Immigrazione: per entrare in Belgio bisogna pagare

COMPARTILHE

Dopo la richiesta di Cameron di rivedere i negoziati sulla mobilità con gli altri paesi Ue e il referendum in Svizzera sui limiti ai flussi migratori, anche il Belgio ha una proposta sulla questione immigrazione.

Leia mais...

OIM na Itália alerta sobre casos de migrantes exploradas sexualmente

COMPARTILHE

 Em relatório, agência diz que o país europeu registrou aumento de 60% no número de vítimas em potencial de tráfico sexual; as chegadas ocorrem pelo mar e a maioria das vítimas é da Nigéria.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook