A- A A+

Arte islamica a Venezia? La Lega Nord: "No, grazie"

Letta a Doha trova fondi degli emiri per aprire un Museo Islamico sul Canal Grande. Insorgono i leghisti. Zaia: “Non è una priorità” Bitonci: “Non favorire i musulmani, meglio un museo dell’arte veneta”

Venezia – 4 febbraio 2014 – Guai a nominare la parola islam davanti ai leghisti, anche se si sta parlando di cultura, di arte. Forse li fa pensare agli immigrati musulmani e si scaldano subito, come è successo anche ieri, dopo l’incontro tra il presidente del Consiglio Enrico Letta e l’emiro del Qatar Tamim Bin Hamad Al Thani a Doha.

“Abbiamo parlato – ha spiegato Letta - anche di cooperazione culturale. Sono lieto di dire che ci siamo presi l’impegno di cercare di migliorare l’idea di avere un’attività congiunta a Venezia. Esploriamo l’opportunità di costruire un Museo islamico nel Canal Grande, che potrebbe vedere la partecipazione attività di capitali qatarioti. Dobbiamo fare una valutazione profonda del progetto e nei prossimi giorni ci saranno incontri tecnici, anche per valutare la possibilità di investimenti a lungo termine”.

L’idea di un museo islamico a Venezia, che troverebbe posto nel Palazzo delle Pescheria di Rialto e potrebbe ospitare anche molte opere già presenti nei musei della città lagunare, è accarezzata da tempo dal sindaco Giorgio Orsoni. “Sono grato – ha detto ieri - al presidente del Consiglio Enrico Letta per il suo interesse e il reperimento di nuovi possibili finanziatori per la realizzazione di un museo islamico di grande respiro internazionale a Venezia, nel segno della storia di questa città e della sua apertura verso il dialogo tra culture e religioni”.

Per la Lega Nord, però, il dialogo tra culture e religioni non è all’ordine del giorno.

“La dichiarazione del premier sulla necessità di un museo islamico mi sembra il segno di un Paese ormai allo sbando di fronte a emergenze epocali” ha tuonato Luca Zaia, presidente (leghista) della Regione Veneto. “In Veneto non siamo chiusi al dialogo - ha aggiunto - infatti siamo la prima regione per livello di integrazione, ma ci sono priorità che un governo dovrebbe avere invece che perdere tempo realizzando un museo islamico. Non vorrei che con la scusa della bandiera del dialogo si cogliesse un’ulteriore occasione di spreco di risorse”.

Si è fatto sentire anche il capogruppo leghista al Senato Massimo Bitonci: “Non vogliamo alcun museo islamico a Venezia. Letta farebbe meglio a concentrarsi sulla crisi economica invece di pensare a come favorire e diffondere l'Islam. Se davvero ci sono forze e risorse per promuovere musei, allora pensiamo a un progetto per diffondere la cultura e la tradizione veneta”.

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-museo_islamico_a_venezia_la_lega_nord_no_grazie_18345.html 05.02.2014

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

España: Desarticulada una red que traficaba con mujeres y las obligaba a prostituirse

COMPARTILHE

La policía ha detenido a cuatro personas en Gran Canaria que amenazaban a las víctimas, nigerianas, con hacer daño a sus hijos

Leia mais...

Immigrazione, niente soldi dalla Ue a Mare Nostrum

COMPARTILHE

Il Commissario europeo agli Affari Interni, Cecilia Malmström, gela le aspettative di Matteo Renzi: «Non abbiamo i soldi» per sostenere l'emergenza

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook