A- A A+

Immigrazione: Cie come ultima frontiera, un film li racconta

Proiezione alla Camera.'Ridurre permanenza e controllo gestione'

(di Luciana Borsatti) (ANSAmed)- ROMA - Storie scomode, volti giovani ma già scavati, sbarre alte a formare le pareti di una gabbia, e qualcuno che dice '"questa non è accoglienza, è sofferenza".

Sono gli interni dimenticati dei Cie, Centri di identificazione ed espulsione, in cui le telecamere di Alessio Genevose e Raffaella Cosentino sono entrate per girare il documentario 'EU 013 l'Ultima Frontiera', proiettato in un incontro pubblico alla Camera.

Girato all'aeroporto di Fiumicino, al porto di Ancona e nei Cie di Roma, Bari e Trapani, il film è il primo a documentare - grazie alla collaborazione del ministero dell'Interno - la vita nei Centri, dove ogni anno circa 8mila persone restano per un periodo che arriva fino a 18 mesi, in detenzione amministrativa.

Immagini inedite che mostrano i retroscena del controllo delle frontiere italiane e la vita quotidiana nei Cie, e raccontano da sole, insieme alle testimonianze dei reclusi, il vuoto dell'attesa, il nulla in cui trascorrono i mesi, l'esasperazione che sfocia in violenza o lo sconforto che degenera in depressione o in tentativi di suicidio. Oppure in clamorosi gesti di protesta, come le bocche cucite al centro romano di Ponte Galeria. "Democrazia e diritti umani sono solo parole", denuncia uno degli irregolari intervistati, "voi avete paura", "ora la guerra è tra ricchi e poveri, tra il nord e il sud". I Cie come ultima frontiera, appunto.

Istituiti come Ctp (Centri di permanenza temporanea e accoglienza) con la legge Turco-Napolitano nel 1998, per ospitarvi gli irregolari per un massimo di 30 giorni, queste strutture hanno successivamente visto un allungamento dei tempi di permanenza, prima a due mesi con la Bossi-Fini e poi fino a 180 giorni, e l'accentuarsi del loro carattere detentivo.

Come strumenti per arginare l'immigrazione clandestina i Cie hanno però "clamorosamente fallito", ha detto Alberto Barbieri, dell'associazione Medici per i diritti umani, perchè "sulle 6 mila persone transitate nel 2013, solo il 45% sono state poi effettivivamente espulse". Quanto ai diritti umani, ha osservato, "si tratta di luoghi congenitamente incapaci di tutelarli - ha aggiunto - pronti ad esplodere come polveriere", e sono anche zone di "extraterritorialità sanitaria", dove anche un parere medico dell'Asl locale può essere disatteso. A finirvi sono ex detenuti, migranti appena sbarcati o altri cui il permesso di soggiorno è scaduto, minori e richiedenti asilo. La durata della permanenza non cambierà l'esito finale della loro vicenda, ma il loro mantenimento nei Cie, secondo le stime riportate dai due autori, è di 55 milioni di euro l'anno.

La stessa Corte dei conti del resto - ricordano i promotori della campagna 'LasciateCientrare' - rilevano una mancanza di trasparenza sui costi e le modalità di assegnazione degli appalti di gestione. "Servono una commissione di inchiesta della Camera sulla gestione dei centri e un decreto urgente per ridurre a due mesi i tempi di permanenza", ha osservato il deputato del Pd Khalid Chaouki, intervenuto alla proiezione con Celeste Costantino (Sel) e Tommaso Currò (M5S). Inoltre - ha proseguito il parlamentare italo-marocchino che nei mesi scorsi si è chiuso nel centro di Lampedusa per ottenerne lo sgombero in tempi brevi - bisogna cercare misure alternative al Cie". Non solo per i richiedenti asilo, ha precisato, ma per esempio anche per chi abbia già familiari in Italia o abbia perso il permesso di soggiorno insieme al lavoro. (ANSAmed)

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-immigrazione._80mila_clandestini_pronti_ad_entrare_in_europa_18471.html 06.03.2014

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

'No more waiting!' Syrians stuck in Greece protest at German embassy

COMPARTILHE

 Syrian refugees stranded in Greece chanted "no more waiting!" and protested outside the German embassy in Athens on Wednesday against delays in reuniting with their relatives in Germany.

Leia mais...

Refugiado sírio tem diploma revalidado e sonha com futuro próspero no Brasil

COMPARTILHE

Por meio do projeto “Revalidação de Diplomas de Refugiados no Brasil”, a organização Compassiva, parceira do ACNUR, possibilita que pessoas refugiadas tenham seus conhecimentos validados para que possam continuar estudando e conquistem empregos relevantes.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook