A- A A+

Cittadinanza. Tra una settimana il salasso per i discendenti di italiani

Dall’8 luglio la domanda per il riconoscimento della cittadinanza costerà 300 euro. Il consolato di Buenos Aires: “È un’operazione complessa e costosa”

Roma – 1 luglio 2014 – Ai discendenti di italiani che vogliono recuperare la cittadinanza tricolore conviene muoversi per evitare un salasso.

Hanno solo una settimana: l’8 luglio infatti entrerà in vigore la legge 89/2014, che tra le altre cose introduce una tassa di 300 euro per il riconoscimento della cittadinanza che chi ha avi italiani può chiedere presso i nostri consolati.

Finora, la domanda era gratuita. La nuova tariffa consolare dovrebbe servire (anche se la legge non lo dice esplicitamente) a recuperare risorse per le nostre rappresentanze impegnate a smaltire quelle pratiche, soprattutto nei paesi dell’America Latina che nel secolo scorso furono mete privilegiate dell’emigrazione italiana.

Non a caso, il consolato d’Italia a Buenos Aires ha pubblicato già da qualche giorno sul suo sito internet un avviso sulla novità in arrivo. “Saranno tenuti al pagamento – dice - tutti i soggetti maggiori di anni 18 che chiedano per sé il riconoscimento della cittadinanza italiana a qualsiasi titolo”, mentre “rimangono a titolo gratuito tutte le richieste di riconoscimento di cittadinanza presentate in favore di minori”.

Chi non verrà riconosciuto come italiano, non potrà recuperare i 300 euro. “Trattandosi di contributo dovuto per la trattazione della pratica – conferma il consolato - esso dovrà essere pagato obbligatoriamente al momento della presentazione della domanda anche se la documentazione ad essa allegata fosse incompleta e a prescindere dall’esito dell’accertamento”.

“L’introduzione di diritti consolari per tale servizio, finora reso in regime di gratuità, è stata decisa – conclude l’avviso - in considerazione della complessità delle operazioni di ricostruzione jure sanguinis della cittadinanza che, come noto, può riguardare molte generazioni (a volte oltre la sesta). L’esame e la conclusione delle domande richiedono, infatti, adempimenti molto onerosi per gli uffici consolari comportanti considerevoli spese in termini di risorse umane e strumentali ad essi destinate”.

Elvio Pasca

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-cittadinanza._tra_una_settimana_il_salasso_per_discendenti_degli_italiani_18937.html 02.07.2014

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Migrant workers in Dubai: “they are sucking our blood“

COMPARTILHE

Their room is about 10 square metres; cockroaches scuttle in and out a bag of rice. In one corner there is a television, in another an old refrigerator. There are some cheap aluminum pans under a wobbly table. On one of the three bunk beds suitcases and blankets are piled up. The air conditioning is old and black with dirt and grease. This is Dubai and it does not want to show its darker sides.
Judith Spiegel

Leia mais...

Immigrants fear loss of humanitarian program under Trump

COMPARTILHE

Iris Acosta has spent the last two decades enrolled in an immigration program that has helped her get a work permit, put three children through school in her native Honduras and obtain health insurance to cover her cancer treatment.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook