A- A A+

Unhcr: "Ancora naufragi, 80 dispersi. Aprire canali umanitari"

Ennesima tragedia nel Mediterraneo. “Governi forniscano urgentemente alternative legali ai pericolosi viaggi per mare”

Roma - 2 luglio 2014 - L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) esprime oggi profondo dolore per le nuove tragedie nel Mar Mediterraneo che sono costate la vita ad almeno 45 persone. I superstiti di una massiccia operazione di soccorso condotta in queste ore dalla Marina Militare riferiscono però di altri 80 dispersi.

“Presumibilmente morti per asfissia – scrive l’Unhcr - i corpi dei 45 uomini, tutti di origine subsahariana, sono stati rinvenuti nella stiva di un barcone sul quale viaggiavano altri 566 passeggeri, tutti tratti in salvo. Alcuni migranti condotti in salvo a Porto Empedocle riferiscono di due morti e quattro dispersi. Contestualmente, un altro gruppo di 27 persone condotte in salvo dalle navi del dispositivo Mare Nostrum ieri mattina a Catania, riferisce che sul barcone su cui viaggiavano vi erano altre 75 persone, che risulterebbero quindi disperse in mare”.

L’Alto Commissariato elogia l'operato della Marina Militare Italiana “per l’incessante azione di soccorso che ha portato al salvataggio di oltre 5.000 persone in sole 48 ore e senza il cui prezioso intervento il numero delle vittime sarebbe indubbiamente maggiore".

Si stima siano circa 500 i migranti e rifugiati morti nel Mediterraneo dall’inizio del 2014. Nonostante gli enormi sforzi sostenuti delle autorità italiane e l’aiuto costante prestato dalle imbarcazioni private, centinaia di migranti e rifugiati innocenti continuano a perdere la vita alle frontiere d’Europa.

Queste ulteriori tragedie, “dimostrano che i rifugiati non hanno altra possibilità se non rischiare la vita nella traversata del Mediterraneo per cercare rifugio da guerre e persecuzioni. L’Unhcr ribadisce quindi la necessità che “i governi forniscano urgentemente alternative legali ai pericolosi viaggi per mare, quali ad esempio il reinsediamento, l’ammissione per ragioni umanitarie e l’accesso agevolato al ricongiungimento familiare, garantendo alle persone disperate e bisognose di un rifugio la possibilità di cercare e trovare protezione e asilo”.

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-unhcr_ancora_naufragi_80_dispersi._aprire_canali_umanitari_18942.html 02.07.2014

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Mauritânia: Nova lei contra a escravatura no país onde milhares ainda são escravos

COMPARTILHE

Estima-se que entre 10 a 20 por cento da população da Mauritânia esteja sujeita a um regime de escravatura ou de trabalho forçado, com vários activistas que lutam contra esta prática a serem perseguidos pelas autoridades governamentais nos últimos anos. Foi preciso esperar por uma nova lei, promulgada na semana passada, para que o país considerasse a escravatura um crime contra a humanidade, punível até 20 anos de prisão.

Leia mais...

Libaneses retornados de Siria se enfrentan a condiciones de vida desesperadas

COMPARTILHE

Muchas familias libanesas que vuelven a su lugar de origen desde Siria para huir de la guerra viven en condiciones por lo menos tan graves como las de los refugiados sirios, según determinó un nuevo informe de la OIM.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook