A- A A+

Nuove norme sui Cie, Antigone "passo avanti verso abolizione"

di Redazione

«In attesa della chiusura definitiva quella che arriva dalla Camera è un’ottima notizia», ha dichiarato Patrizio Gonnella, presidente di Antigone sull'approvazione della Legge Europea 2013-bis. Il tempo massimo di permanenza nei Cie scende a 30 giorni.

Un passo avanti verso l’abolizione dei Centri di Identificazione e di Espulsione così Associazione Antigone definisce l’approvazione, in via definitiva, da parte della Camera martedì 21 ottobre, della Legge Europea 2013-bis, all’interno della quale sono inserite nuove norme relative ai tempi di permanenza nei Centri.

La nuova norma prevede infatti che il migrante da identificare possa essere tenuto all’interno del Cie per un periodo di complessivi 30 giorni. Nel caso la persona non fosse identificata, ma siano emersi elementi che possano rendere probabile una identificazione, il questore può richiedere al giudice di pace una o più proroghe, ma senza superare i 90 giorni di permanenza totale (il termine precedente era di 18 mesi).
Nella norma ci sono anche novità anche per gli stranieri che siano già stati trattenuti nelle strutture carcerarie. Chi avesse trascorso infatti 90 giorni in un penitenziario può essere trasferito in un Centro di Identificazione e di Espulsione ed essere lì trattenuto per un massimo di 30 giorni, senza proroghe. Per loro, con le vecchie norme, i tempi di permanenza nei Cie, a prescindere dal periodo trascorso in carcere, poteva arrivare comunque a 18 mesi.

«In attesa della chiusura definitiva di questi Centri quella che arriva dalla Camera è un’ottima notizia», dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone e della neonata Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili. «È importante che si dia subito attuazione a questa norma e vengano rilasciati tutti quei migranti per cui i tempi di permanenza abbiano superato quelli previsti dalle nuove disposizioni. In particolar modo per coloro che sono passati dalle carceri e che lì sarebbero dovuti essere identificati».

Fonte: Vita.it - 23.10.2014

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Cresce o número de latinos convertidos ao Islamismo

COMPARTILHE

Número de hispânicos muçulmanos chega a 5,3 milhões

Leia mais...

Deslocamento forçado atinge recorde global e afeta uma em cada 113 pessoas no mundo

COMPARTILHE

 Conflitos e perseguições ao redor do mundo causaram um aumento acentuado do deslocamento forçado global em 2015, atingindo os mais altos níveis registrados até o momento e representando um sofrimento humano imenso, revela relatório lançado hoje pela Agência da ONU para Refugiados (ACNUR). 

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook