A- A A+

Come ti confeziono l'immigrato: i media italiani e l'immigrazione

"Romeno violenta turista e la prende a bastonate".
"Rapita e stuprata dall'ex convivente marocchino".
"Zingaro pendolare del crimine: dal campo nomadi alle case del Brenta".

Sono solo alcune delle frasi che i media utilizzano per enfatizzare la matrice straniera di questi reati. Un'indagine ha analizzato, su di un arco temporale di quattro anni (dal 2005 al 2008), il contenuto di tre testate nazionali (quali il Corriere della Sera, Il Giornale, La Repubblica), da cui è emerso, in estrema sintesi, che la carta stampata parla tanto degli stranieri ma lo fa esclusivamente in termini di problematicità sociale.

È stato riscontrato che, nel periodo considerato, il numero di articoli pubblicati dalle tre testate sull'argomento in questione è stato imponente (11.426 articoli). Tra i temi trattati troviamo soprattutto cronaca criminale e questioni di giustizia penale; nella maggior parte dei casi, infatti, si tende a sottolineare l'aumento della delinquenza e l'allarme sociale, associando il tutto ai flussi migratori; senza tener conto che i fatti di cronaca concernono, nel 70% dei casi, immigrati non regolari.

Dall'analisi è emersa anche la differenza nel trattamento mediatico della delinquenza straniera da quella italiana, con una netta maggioranza nell'enfatizzazione della prima rispetto alla seconda; e la quasi totale mancanza di articoli in cui si evidenziava la nazionalità di chi, invece, aveva compiuto una buona azione, a favore della società.

Eppure negli anni precedenti anche gli italiani sono stati un popolo di migranti, una comunità che molto ha sofferto gli stereotipi razzisti negli Stati Uniti come in Sud America, la difficoltà d'integrazione della nostra comunità è stata resa più acuta anche a causa di una comunicazione mediatica negativa.

I mezzi di comunicazione, è noto, riescono ad influenzare e talvolta distorcere la percezione della realtà, per questo sono dei mezzi potentissimi nella costruzione del senso comune.

Anche per questo, la Fondazione Leone Moressa organizza, giovedì 29 gennaio alle ore 16.30 un convegno dal titolo significativo: "Il valore dell'immigrazione: Conoscere il contributo economico dell'immigrazione per combattere stereotipi impropri", proprio per analizzare lo stretto rapporto che intercorre tra i media e la percezione dell'immigrazione nel suo complesso.

Fonte: http://www.huffingtonpost.it/khalid-chaouki/confeziono-immigrato-media-italiani-immigrazione_b_6515080.html?utm_hp_ref=cronaca 22.01.2015

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Migrant workers in Dubai: “they are sucking our blood“

COMPARTILHE

Their room is about 10 square metres; cockroaches scuttle in and out a bag of rice. In one corner there is a television, in another an old refrigerator. There are some cheap aluminum pans under a wobbly table. On one of the three bunk beds suitcases and blankets are piled up. The air conditioning is old and black with dirt and grease. This is Dubai and it does not want to show its darker sides.
Judith Spiegel

Leia mais...

México: Necesario promover el respeto hacia las mujeres inmigrantes - CNDH

COMPARTILHE

Es necesario que las autoridades y la sociedad actúen decididamente para promover el respeto de los derechos humanos de los migrantes, sobre todo de las mujeres que atraviesan territorio nacional en busca de una oportunidad de trabajo, demandó la Comisión Nacional de Derechos Humanos.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook