A- A A+

800 mila figli di immigrati nelle scuole italiane, uno su due è nato qui

I dati del ministero dell'Istruzione sulle sfide di una scuola sempre più multiculturale. Giannini: “Puntare sulla lingua”

Roma – 24 febbraio 2015 - Il Consiglio dei Ministri del 27 febbraio dovrebbe partorire la tanto annunciata riforma della scuola. Tra le novità, ce ne saranno alcune che riguarderanno i figli di immigrati che siedono tra i banchi, ad esempio per quanto riguarda la prima accoglienza, con l'insegnamento dell'italiano come seconda lingua.

L’integrazione di questi ragazzi sarà uno “dei punti cardine del decreto ‘La Buona Scuola’”, perché “la scuola è la base, la cornice ideale per diventare cittadini sostanziali” ha detto giovedì scorso a Roma il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. Apriva un evento intitolato ‘Le scuole in contesti multiculturali. Promuovere e governare l’integrazione’, al quale hanno partecipato 250 fra presidi, insegnanti, studenti, genitori e rappresentanti di associazioni.

“Vogliamo fornire alle istituzioni scolastiche gli strumenti scientifici, didattici e organizzativi adeguati e dare centralità alla formazione linguistica perché la lingua è passaporto di comunicazione e integrazione” ha sottolineato Giannini. Con l'occasione, è stata presentata una sintesi del nuovo rapporto “Alunni con cittadinanza non italiana. Tra difficoltà e successi”, realizzato dal ministero e dall'Ismu e in corso di pubblicazione.

Il rapporto mostra il nuovo volto della nostra scuola, dove nell'anno scolastico 2003/2004 c'erano quasi 803 mila bambini e ragazzi con cittadinanza non italiana, il 9% del totale degli alunni. Rispetto al 2001/2002, quando erano 196 mila e rappresentavano il 2,2% della popolazione scolastica, sono quadruplicati.

Se si crede a quello che c'è scritto sui loro documenti, i più numerosi sono gli studenti romeni (154.621), albanesi (107.847) e marocchini (101.176), ma continuare a considerarli stranieri è un errore da matita rossa. Anche perché oltre la metà di queste nuove leve (per la precisione 415.283, il 51,7 per cento) è nato in Italia e presto o tardi, piaccia o no ai nostri legislatori, prenderà la cittadinanza italiana.

Piuttosto, bisognerebbe ragionare sulle difficoltà che questi alunni incontrano nel loro percorso scolastico. Il rapporto sottolinea infatti come i loro tassi di ritardo e ripetenza siano sensibilmente più alti rispetto a quelli degli italiani, in tutti gli ordini scolastici. Un gap da colmare perché la scuola sia davvero “buona” per tutti.

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-800_mila_figli_di_immigrati_nelle_scuole_italiane_uno_su_due_nato_qui_19778.html 25.02.2015

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

La violencia incendia las barriadas de inmigrantes de Estocolmo

COMPARTILHE

Tres noches consecutivas de disturbios en la periferia reabren el debate sobre la integración

Leia mais...

Accordo tra Stati Uniti e Canada per fermare l’immigrazione illegale

COMPARTILHE

Non sarà possibile estendere la validità dei visti con l’uscita e il reingresso dalla frontiera canadese.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook