A- A A+

Profughi. 86 mila nei centri di accoglienza, soprattutto temporanei

Alfano: "Il sistema di accoglienza non può fare a meno di strutture temporanee. Altri 10 mila posti nello SPRAR"

Roma - 29 luglio 2015 - 86 mila persone soccorse nel Mediterraneo o comunque arrivate sulle nostre coste con i barconi oggi sono ospiti di strutture di accoglienza in Italia.

Si tratta di strutture soprattutto "temporanee", come quelle che hanno scatenato le proteste tra i residenti di Quinto, vicino Treviso, o di Casale San Nicola, alla periferia nord di Roma. Strutture delle quali, al momento, non si può fare a meno, piaccia o no a chi se le ritrova vicino casa o a chi strumentalizza le paure dei cittadini per lanciare campagne demagogiche contro l'accoglienza.

È stato il ministro dell'Interno Angelino Alfano a fare stamane il punto della situazione in un'audizione davanti alla "Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza e di identificazione".

Tra quelle 86 mila persone, ha spiegato il titolare del Viminale, 9.000 si trovano oggi nei tredici centri governativi di primo soccorso e accoglienza (CPSA) e nei dieci centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo (CARA). Altre 20.000 sono nelle strutture del Sistema di Protezione Rifugiati e Richiedenti Asilo (SPRAR), gestito dai Comuni con oltre 450 progetti attivati, ma ben 57 mila sono nei centri di accoglienza temporanea.

"Il sistema di accoglienza - ha detto Alfano - non può fare a meno di strutture temporanee. Una precisazione che ritengo utile come risposta a coloro che ritengono che la ricerca dei posti derivi da una improvvisazione del sistema".

Il modello al quale si punta è però lo SPRAR che il governo vorrebbe allargare. "Da quando mi sono insediato i posti sono saliti da 3.000 a 20.000, cui si aggiungeranno con i nuovi bandi altri 10.000 posti", ha annunciato il ministro, invocando però una “leale collaborazione con Regioni e Comuni”. L'obiettivo è una ripartizione in tutta la Penisola, che non penalizzi solo alcune Regioni, come oggi succede con la Sicilia.

Stamattina si è parlato anche degli sforzi per velocizzare l'esame delle domande d'asilo, un modo per distinguere chi ha diritto alla protezione e quindi può rimanere in Italia, da chi è un immigrato irregolare e quindi va rimpatriato. Le Commissioni territoriali, ha spiegato Alfano, sono aumentate da 20 a 50 e "questo con lo snellimento delle procedure ha consentito un aumento del 52% delle domade esaminate che nel periodo che va dall'inizio dell'anno al 24 luglio scorso sono state complessivamente 24.219".

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-profughi._86_mila_nei_centri_di_accoglienza_sopratutto_temporanei_20655.html 30.07.2015

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

La policía mexicana rescata a 150 inmigrantes, entre ellos 25 niños

COMPARTILHE

Las personas, en su mayoría provenientes de Guatemala, llevaban 14 horas hacinados en el contenedor de un camión

Leia mais...

Más dificultades para las personas refugiadas y migrantes

COMPARTILHE

 Salih tenía sólo 10 años cuando las milicias atacaron su aldea en la región de Darfur Septentrional de Sudán: “Fue por la noche. Disparaban y quemaban nuestras chozas. Mataron a mis padres, pero yo logré escapar”. Consiguió llegar a Jartum, donde se quedó hasta que, este mismo año, un tío suyo le mandó dinero desde el Reino Unido para fuera allí a reunirse con él.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook