A- A A+

Profughi. 86 mila nei centri di accoglienza, soprattutto temporanei

Alfano: "Il sistema di accoglienza non può fare a meno di strutture temporanee. Altri 10 mila posti nello SPRAR"

Roma - 29 luglio 2015 - 86 mila persone soccorse nel Mediterraneo o comunque arrivate sulle nostre coste con i barconi oggi sono ospiti di strutture di accoglienza in Italia.

Si tratta di strutture soprattutto "temporanee", come quelle che hanno scatenato le proteste tra i residenti di Quinto, vicino Treviso, o di Casale San Nicola, alla periferia nord di Roma. Strutture delle quali, al momento, non si può fare a meno, piaccia o no a chi se le ritrova vicino casa o a chi strumentalizza le paure dei cittadini per lanciare campagne demagogiche contro l'accoglienza.

È stato il ministro dell'Interno Angelino Alfano a fare stamane il punto della situazione in un'audizione davanti alla "Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza e di identificazione".

Tra quelle 86 mila persone, ha spiegato il titolare del Viminale, 9.000 si trovano oggi nei tredici centri governativi di primo soccorso e accoglienza (CPSA) e nei dieci centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo (CARA). Altre 20.000 sono nelle strutture del Sistema di Protezione Rifugiati e Richiedenti Asilo (SPRAR), gestito dai Comuni con oltre 450 progetti attivati, ma ben 57 mila sono nei centri di accoglienza temporanea.

"Il sistema di accoglienza - ha detto Alfano - non può fare a meno di strutture temporanee. Una precisazione che ritengo utile come risposta a coloro che ritengono che la ricerca dei posti derivi da una improvvisazione del sistema".

Il modello al quale si punta è però lo SPRAR che il governo vorrebbe allargare. "Da quando mi sono insediato i posti sono saliti da 3.000 a 20.000, cui si aggiungeranno con i nuovi bandi altri 10.000 posti", ha annunciato il ministro, invocando però una “leale collaborazione con Regioni e Comuni”. L'obiettivo è una ripartizione in tutta la Penisola, che non penalizzi solo alcune Regioni, come oggi succede con la Sicilia.

Stamattina si è parlato anche degli sforzi per velocizzare l'esame delle domande d'asilo, un modo per distinguere chi ha diritto alla protezione e quindi può rimanere in Italia, da chi è un immigrato irregolare e quindi va rimpatriato. Le Commissioni territoriali, ha spiegato Alfano, sono aumentate da 20 a 50 e "questo con lo snellimento delle procedure ha consentito un aumento del 52% delle domade esaminate che nel periodo che va dall'inizio dell'anno al 24 luglio scorso sono state complessivamente 24.219".

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-profughi._86_mila_nei_centri_di_accoglienza_sopratutto_temporanei_20655.html 30.07.2015

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Mulheres e crianças devem ser prioridades de pacto para a migração

COMPARTILHE

 "Exorto os Estados-membros a garantir que o pacto reconheça as contribuições das mulheres migrantes e que tenha em conta o seu papel, necessidades e vulnerabilidades na íntegra", frisou Guterres neste documento que pretende marcar o ponto de partida para as negociações multilaterais de um inédito pacto mundial para a migração (Global Compact for Migration, na versão em inglês) que a ONU ambiciona formalizar até finais de 2018.

Leia mais...

“É urgentíssimo aprovar a nova lei de imigração”

COMPARTILHE

 Almeida reconhece as dificuldades para lidar com a vinda de haitianos ao Brasil. Atrasado no contexto mundial, Brasil estuda agora como atrair imigrantes.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook