A- A A+

Profughi, Ciambetti: in Veneto più di 14 mila fantasmi

Venezia, 26 lug. (askanews) - "Il presidente della Baviera, Horst Seehofer, ha chiesto nuove verifiche per i profughi arrivati in Germania: 'Dobbiamo sapere chi si trova in questo Paese' ha dichiarato alla Süddeutsche Zeitung. Sapere chi si ospita è un diritto che diventa un dovere se di mezzo c'è anche la lotta al terrorismo. Purtroppo in Veneto non sarebbe possibile esercitare questo diritto-dovere: dei quasi 25 mila immigrati arrivati circa 14 mila si sono dati alla macchia e di queste persone non sappiamo nulla, non sappiamo chi e dove siano".

Il Presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, interviene nel dibattito sui rischi "dell'infiltrazione di terroristi tra immigrati o sedicenti profughi. Il pericolo dell'infiltrazione per altro era ben noto: la relazione dei servizi segreti al Parlamento italiano nello scorso marzo era più che dettagliata su questi pericoli. Ciò nonostante - continua Ciambetti - il ministro dell'Interni, Angelino Alfano, ha continuato e continua nella sua strategia di disseminare nel territorio sempre maggiori quote di immigrati anche superando le soglie massime, come nel caso Veneto, che lo stesso governo aveva previsto per l'accoglienza. Con questo - spiega Ciambetti - non voglio dire che il pericolo dell'infiltrazione jihadista stia solo nei flussi migratori: i pericoli derivano da più fronti visto che uno Stato si può mettere sotto scacco con gli attentati organizzati con precisione militare, con l'azione di psicolabili che s'inventano una bandiera per cui combattere o emulatori disperati su scala globale, ma anche con gli investimenti e l'acquisto a suon di petroldollari di imprese, aziende, marchi prestigiosi. La nuova guerra del Terzo Millennio ha tanti campi di battaglia e ha anche le sue quinte colonne talune inconsapevoli, come coloro che insistono nel nome della solidarietà nel dare accoglienza indiscriminata agli immigrati, talaltra no, come chi continua a disseminare nei nostri comuni illustri sconosciuti che scompaiono nel volgere di poche ore. Purtroppo, a differenza dei tedeschi, non possiamo chiedere controlli approfonditi a chi nei fatti alimenta la clandestinità".

Fonte:http://www.askanews.it/servizi-pcm/autonomie-locali/profughi-ciambetti-in-veneto-piu-di-14-mila-fantasmi_711866717.htm - 27.07.2016

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Calais, MSF: smantellamento inevitabile, ma non risolve la situazione di chi fugge

COMPARTILHE

Mentre è in corso lo sgombero di oltre 6.000 persone dalla cosiddetta Giungla di Calais, Medici Senza Frontiere (MSF) continua la propria azione ed esprime preoccupazione per le persone più vulnerabili, i minori non accompagnati e quanti tenteranno ancora la traversata o vivranno in condizioni di precarietà nei prossimi mesi.

Leia mais...

Para mostrar uma nova Itália e integrar italianos e ítalo-brasileiros

COMPARTILHE

 A imigração italiana deixou marcas em todo o Brasil, incluindo a cidade de São Paulo. Mas passado tanto tempo desde o auge dos fluxos migratórios entre as duas nações, como estão e se organizam os italianos de hoje no Brasil?

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook