A- A A+

Papa Francesco: "Migranti non sono numeri, nessun Paese sia indifferente"

Bergoglio: "Coniugare il diritto di migrare con la possibilità di integrazione". "Grazie a Italia e altri Paesi che con generosità accolgono quanti sono nel bisogno"

Città del Vaticano - 9 gennaio 2017 - "Occorre un impegno comune nei confronti di migranti, profughi e rifugiati, che consenta di dare loro un’accoglienza dignitosa". Lo ha detto stamattina Papa Francesco, ricendo in udienza in Vaticano gli ambasciatori accreditati presso al Santa Sede.

"Ciò implica - ha sottolineato - saper coniugare il diritto di «ogni essere umano […] di immigrare in altre comunità politiche e stabilirsi in esse» , e nello stesso tempo garantire la possibilità di un’integrazione dei migranti nei tessuti sociali in cui si inseriscono, senza che questi sentano minacciata la propria sicurezza, la propria identità culturale e i propri equilibri politico-sociali. D’altra parte, gli stessi migranti non devono dimenticare che hanno il dovere di rispettare le leggi, la cultura e le tradizioni dei Paesi in cui sono accolti".

Secondo Bergoglio, un "approccio prudente da parte delle autorità pubbliche non comporta l’attuazione di politiche di chiusura verso i migranti, ma implica valutare con saggezza e lungimiranza fino a che punto il proprio Paese è in grado, senza ledere il bene comune dei cittadini, di offrire una vita decorosa ai migranti, specialmente a coloro che hanno effettivo bisogno di protezione".

"Soprattutto - ha sottolineato il papa - non si può ridurre la drammatica crisi attuale ad un semplice conteggio numerico. I migranti sono persone, con nomi, storie, famiglie e non potrà mai esserci vera pace finché esisterà anche un solo essere umano che viene violato nella propria identità personale e ridotto ad una mera cifra statistica o ad oggetto di interesse economico".

Francesco è tornato a chiedere che tutti facciano la loro parte: "Il problema migratorio è una questione che non può lasciare alcuni Paesi indifferenti, mentre altri sostengono l’onere umanitario. Tutti dovrebbero sentirsi costruttori e concorrenti al bene comune internazionale". "Sono perciò grato - ha aggiunto - ai tanti Paesi che con generosità accolgono quanti sono nel bisogno, a partire dai diversi Stati europei, specialmente l’Italia, la Germania, la Grecia e la Svezia".

Il papa ha anche ricordato il suo viaggio all'isola di Lesbo, dove ha "visto e toccato con mano la drammatica situazione dei campi profughi, ma anche l’umanità e lo spirito di servizio delle molte persone impegnate per assisterli". "Né bisogna dimenticare ha aggiunto - l’accoglienza offerta da altri Paesi europei e del Medio Oriente, quali il Libano, la Giordania, la Turchia, come pure l’impegno di diversi Paesi dell’Africa e dell’Asia".

"Infine ha citato il viaggio in Messico, "dove ho potuto sperimentare la gioia del popolo messicano, mi sono sentito vicino alle migliaia di migranti dell’America Centrale, che patiscono terribili ingiustizie e pericoli nel tentativo di poter avere un futuro migliore, vittime di estorsione e oggetto di quel deprecabile commercio – orribile forma di schiavitù moderna – che è la tratta delle persone".

Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita/attualita/attualita-sp-754/papa-francesco-migranti-non-sono-numeri-nessun-paese-sia-indifferente.html 11.01.2017

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

ONU já registou um milhão de refugiados sírios no Líbano

COMPARTILHE

 É o mais pequeno e vulnerável dos países da região e já acolhe 40% de todos os refugiados sírios. Com os principais combates na Síria concentrados agora em regiões junto à fronteira com o Líbano, o ritmo está a aumentar: todos os dias a ONU regista 2500 novos refugiados, mais de uma pessoa por minuto.

Leia mais...

Europe's treatment of child refugees 'risks increasing radicalisation threat'

COMPARTILHE

Highly critical report from Council of Europe says current system is unable to cope with sheer number of children fleeing conflict

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook