A- A A+

Minori stranieri non accompagnati: sempre più piccoli e vulnerabili

I dati dell’“Atlante minori stranieri non accompagnati in Italia”, diffuso da Save the Children in vista della Giornata Mondiale del Rifugiato 2017. In 6 anni (2011-2016) sono sbarcati in Italia 62.672 minori senza adulti di riferimento, provenienti principalmente da Eritrea, Egitto, Gambia, Somalia, Nigeria e Siria. Il loro numero è cresciuto di 6 volte

ROMA - La maggior parte dei minori stranieri non accompagnati presenti nel nostro Paese lo hanno raggiunto attraversando il Mediterraneo centrale. Tra chi arriva via mare in Italia, per cercare un futuro possibile, ci sono infatti sempre più minori soli e sono sempre più bambini e più vulnerabili. Tra gennaio 2011 e dicembre 2016 sono sbarcati in Italia 62.672 minori senza adulti di riferimento, provenienti principalmente da Eritrea, Egitto, Gambia, Somalia, Nigeria e Siria. Il loro numero è cresciuto di 6 volte tra il 2011 (4.209) e il 2016 (25.846), e, mentre la loro percentuale sul totale degli arrivi era il 6% nel 2011, l’anno scorso ben 1 migrante su 6 sbarcato sulle nostre coste era un minore solo. La loro presenza è un fenomeno strutturale, al quale troppo spesso si è data una risposta inadeguata, anche in considerazione di una crescente vulnerabilità legata all’età precoce e al genere. Sono loro i protagonisti a tutto tondo del primo “Atlante minori stranieri non accompagnati in Italia”, diffuso da Save the Children in vista della Giornata Mondiale del Rifugiato 2017, che racchiude in una visione d’insieme i dati, le storie e le mappe dei loro percorsi e della nuova vita in Italia attraverso un periodo di 6 anni, tra il 2011 e il 2016, ed è introdotto e concluso dalle toccanti parole della scrittrice Margaret Mazzantini, tratte dal suo racconto “Mare al mattino”.

Aumentano i piccolissimi. Anche se l’81% dei minori non accompagnati presenti a fine 2016 nelle strutture di accoglienza aveva tra i 16 e i 18 anni, si è assistito infatti ad un aumento progressivo della presenza di pre-adolescenti e bambini nella fascia 0-14 anni, passati da 698 nel 2012 a 2.050 nel 2016. Rispetto al genere, il numero complessivo delle minori sole accolte nel Paese si è quadruplicato tra il 2012 e il 2016, passando da 440 a 1.832 (il 7,6% del totale dei minori registrati a fine 2016), con una presenza crescente di minorenni nigeriane (717), a forte rischio di tratta per la prostituzione, ed eritree (440),che raccontano di essere state in molti casi ripetutamente vittime di violenza sessuale. Una specifica vulnerabilità riguarda i minori per i quali l’Italia è un paese di transito, i cosiddetti minori “invisibili”, che avendo come meta altri paesi europei dove vivono già familiari o connazionali con cui sono in contatto, si rendono irreperibili al sistema di accoglienza formale e si riaffidano ai trafficanti correndo gravissimi rischi. Una situazione che tra il 2011 e il 2016 ha riguardato, secondo molti dei riscontri sul campo, la quasi totalità dei 22.586 minori soli di origine eritrea (11.251), somala (5.618), siriana (2.927) e afghana (2.790) arrivati in frontiera sud in Italia, e che si è aggravata nel 2016 con la maggiore chiusura rispetto all’accoglienza dei paesi confinanti alla frontiera nord, come confermano i 5.000 minori soli “riammessi” in Italia dalla Svizzera solo tra maggio e novembre. Nel caso degli 8.281 minori egiziani arrivati tra 2011 e 2016, con un’età sempre più precoce, tra i 14 e i 16 anni, ma anche 12 o 13, il rischio a cui sono maggiormente esposti nelle grandi città come Roma e Milano, è quello dello sfruttamento nel lavoro in nero, in attività illegali o nella prostituzione, a causa della necessità di restituire rapidamente ai trafficanti il debito di viaggio che grava sulle famiglie e di poterle aiutare economicamente. 

L’Atlante propone una visione d’insieme dei drammi che i minori soli si sono lasciati alle spalle e delle terribili esperienze vissute per raggiungere l’Europa, del loro coraggio e delle loro aspirazioni per un futuro già pagato così a caro prezzo, che dipende in buona parte dalla presenza di un sistema di accoglienza e protezione adeguato, primo passo fondamentale per un reale percorso di integrazione.

Afferma Raffaela Milano, direttore Programmi Italia-Europa di Save the Children:“La constatazione diretta delle gravi lacune mostrate in questi anni da un sistema di accoglienza frammentato e troppo spesso penalizzato da un approccio emergenziale, ma anche le molte esperienze positive e gli sforzi fatti per migliorarne alcuni aspetti, ci hanno spinti a proporre nel 2013, una vera e propria legge organica per i minori stranieri non accompagnati, sostenuta da molte altre organizzazioni e associazioni e finalmente approvata lo scorso marzo in via definitiva dal Parlamento. E’ ora fondamentale che venga applicata al più presto e nella sua interezza, per garantire un’accoglienza adeguata e la necessaria protezione per tutti questi bambini e adolescenti impegnati a costruire il loro futuro”.

Proprio per promuovere con forza l’applicazione della nuova legge “Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati”,Save the Children ha organizzato, in collaborazione con il Comune di Milano, il Forum Nazionale“Proteggere, accogliere, crescere insieme. L’attuazione della nuova legge per i minori stranieri soli”. Due giorni intensi di approfondimento e confronto, giovedì 15 e venerdì 16 giugno 2017, presso la Sala Alessi del Comune di Milano a partire dalle ore 10, tra rappresentanti delle istituzioni, organizzazioni e associazioni, e alcuni giovani che hanno vissuto l’esperienza della migrazione a confronto con i loro coetanei italiani.

Fonte: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/537512/Minori-stranieri-non-accompagnati-sempre-piu-piccoli-e-vulnerabili 14.06.2017

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Paris adverte para controle do EI sobre tráfego de imigrantes a partir da Líbia

COMPARTILHE

 O ministro francês da Defesa, Jean-Yves Le Drian, alertou para o "grande risco" de que jihadistas do Estado Islâmico (EI) passem a controlar o tráfego de emigrantes para a ilha italiana de Lampedusa, após seu domínio sobre amplas zonas na Líbia.

Leia mais...

Una paz duradera depende de la reintegración de más de 7 millones de personas desplazadas: ACNUR

COMPARTILHE

 El ACNUR celebra la firma del Acuerdo de Paz en un momento histórico en que los colombianos demostraron su disposición a encontrar soluciones a un conflicto de más de 52 años por medio del diálogo y la reconciliación.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook