A- A A+

Codice di condotta ong, no anche da Sos Mediterranée

Si allarga il fronte dei No al codice di condotta proposto dall’Italia alle ong per regolare il soccorso in mare. Anche l’ong francese, che non era presente ieri all’incontro al Viminale, dice non poter firmare l’ultima versione. "Emendamenti da noi chiesti non presi in considerazione"

ROMA - Si allarga il fronte dei No al codice di condotta proposto dall’Italia alle ong per regolare il soccorso in mare. Anche l’ong francese Sos Mediterranèe, che non era presente ieri all’incontro al Viminale, dice non poter firmare l’ultima versione prodotta, ma che lo avrebbe fatto se fossero stati presi in considerazione tre emendamenti.
Il primo è quello riguarda le norme per l'idoneità tecnica dei pescherecci di salvataggio. La formulazione attuale - secondo l’ong - non è chiara e potrebbe portare a interpretazioni diverse. Inoltre, bisogna chiarire la questione dei trasbordi: “L'attuale codice di condotta cita una restrizione di tali trasferimenti - spiegano in una nota - ma i trasferimenti sono un mezzo operativo necessario per rendere le attività di soccorso più efficienti e per garantire che gli individui salvati siano portati in un porto di sicurezza. Negli ultimi mesi questo ha permesso alle ong di salvare migliaia di vite umane”. Infine l’ultimo punto riguarda le condizioni per consentire ai funzionari di polizia giudiziaria di accedere ai mezzi di soccorso umanitari. Sos Mediterranée chiede che “non portino armi, per rispettare i principi umanitari di neutralità e indipendenza”. Inoltre, l’ong “chiede che gli ufficiali di polizia giudiziaria non interferiscano con la missione umanitaria”.

Prima di Sos Mediterranèe avevano deciso di non firmare il codice Medici senza frontiere, Jugend Rettent Iuventa e Sea Watch. Proactiva open arms, che inizialmente si era detta contraria ha infine accettato il codice insieme a Save the children e Moas. (ec)

Fonte: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/543186/Codice-di-condotta-ong-no-anche-da-Sos-Mediterranee 01.08.2017

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Recintos parecían celdas sucias: Comisión mexicana documenta violaciones a migrantes centroamericanos

COMPARTILHE

El Instituto Nacional de Migración (INM) de México violó los derechos humanos de 122 indocumentados centroamericanos, incluidos menores de edad, al alojarlos en instalaciones en el oriental estado de Veracruz no reconocidas como recinto migratorio.

Leia mais...

Goar: Immigrant women changed the face of Toronto

COMPARTILHE

One of Toronto’s great untold stories is the role immigrant women played in knitting the social fabric of Toronto.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook