A- A A+

Bangladesh: campi rifugiati al massimo della capacità; migliaia in rifugi di fortuna

A fronte del drammatico aumento di persone in fuga dalle violenze in Myanmar, l’UNHCR sollecita ad intervenire per individuare le cause di questo recente picco di violenza, così che le persone non siano più costrette a fuggire e possano ritornare a casa in sicurezza.

Nelle ultime due settimane circa 270.000 rifugiati rohingya hanno cercato salvezza in Bangladesh. La già ridotta capacità di accoglienza si è già esaurita e ora i rifugiati hanno trovato rifugio in alloggi di fortuna che si sono moltiplicati lungo la strada e nei terreni liberi nelle zone di Ukhiya e Teknaf.

I rohingya sono una minoranza musulmana apolide del Myanmar che per decenni ha lottato contro discriminazioni e povertà estrema. Non gli è permesso di esercitare i propri diritti tra i quali la libertà di spostarsi, il diritto all’educazione e al lavoro, oltre ad altri diritti sociali, civili e politici. I rohingya in fuga dal Myanmar ora sono dei rifugiati apolidi, cosa che li rende ancor più vulnerabili e aggiunge ulteriori ostacoli alla ricerca di soluzioni.

Mentre la maggior parte dei rohingya arriva via terra, perlopiù attraversando giungle e montagne per diversi giorni, altre migliaia affrontano viaggi lunghi e rischiosi nelle difficili acque della Baia del Bengala, imbarcandosi su navi da pesca dirette a Teknaf, in Bangladesh. La grande maggioranza di queste persone sono donne, tra cui madri con figli appena nati, e famiglie con bambini. Arrivano in condizioni critiche, esausti, affamati e alla disperata ricerca di protezione. L’UNHCR guarda con preoccupazione alle testimonianze di civili morti nel tentativo di fuggire e cercare salvezza.

I due campi per rifugiati di Cox’s Bazar nel sud-est del Bangladesh – che ospitavano circa 34.000 rifugiati rohingya prima di questa nuova ondata – hanno ormai superato le loro capacità ricettiva. In due settimane la popolazione è più che raddoppiata, raggiungendo oltre 70.000 unità. Vi è immediata necessità di terre e ripari adeguati.

L’UNHCR e i suoi partner stanno lavorando per fornire protezione e assistenza medica ai nuovi arrivati nei campi di Kutupalong e Naypara, continuando a identificare le persone in condizioni di vulnerabilità, come minori non accompagnati, donne, anziani e disabili che hanno bisogno di accoglienza, cibo, acqua e cure. E’ inoltre prioritario avviare operazioni di registrazione di tutti i rifugiati al momento del loro arrivo, per poter assicurare loro protezione e accesso ai servizi di base.

Fonte: https://www.unhcr.it/news/aggiornamenti/bangladesh-campo-rifugiati-al-massimo-della-capacita-migliaia-rifugi-fortuna.html 11.09.2017

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

La Iglesia pide acceder a los CIEs para atender a los inmigrantes

COMPARTILHE

La Iglesia española ha pedido que se le facilite el acceso a los Centros de Internamiento de Extranjeros (CIEs) para atender espiritual y materialmente a los inmigrantes en situación irregular que se encuentran internos, según ha indicado el obispo de Albacete y presidente de la Comisión Episcopal de Migraciones, monseñor Ciriaco Benavente.

Leia mais...

¿Es el DF el principal expulsor de migrantes en México?

COMPARTILHE

Pese a considerarse como una "ciudad santuario", CDMX es, de hecho, la principal expulsora de migrantes en el País hacia el extranjero.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook