A- A A+

Accogliere nella fede: la Dichiarazione ecumenica di Lampedusa

La Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), la Commissione delle chiese per i migranti in Europa (CCME) e la Conferenza delle chiese europee (KEK) hanno reso pubblico un documento che ribadisce come «la protezione e l’accoglienza di migranti e rifugiati è al centro della nostra fede» e fa appello a governi e istituzioni internazionali affinché garantiscano protezione, passaggi sicuri e corridoi umanitari ai profughi

Che cos'è
La Dichiarazione ecumenica di Lampedusa è un documento programmatico- congiunto di esponenti e leader protestanti, cattolici e ortodossi che, dal 30 settembre al 2 ottobre 2017, si sono riuniti a Palermo in un convegno internazionale ( «Vivere e testimoniare la frontiera») dedicato a migrazioni, confini e accoglienza. La Dichiarazione congiunta è stata firmata dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), dalla Commissione delle Chiese per i migranti in Europa (CCME) e dalla Conferenza delle chiese europee (CEC).

La Dichiarazione congiunta di Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), Commissione delle chiese per i migranti in Europa (CCME) e Conferenza delle chiese europee (KEK) ricorda come la «protezione e l’accoglienza di migranti e rifugiati è al centro della nostra fede in Cristo” e fa appello a governi e istituzioni internazionali affinché garantiscano protezione, passaggi sicuri e corridoi umanitari ai profughi, ai richiedenti asilo e a quanti vivono in condizioni di vulnerabilità e di rischio per la propria vita».

Il testo della Dichiarazione ecumenica di Lampedusa
«Noi, cristiani di diversa tradizione provenienti dall'Europa e dagli Stati Uniti, ci siamo incontrati a Palermo dal 30 settembre al 2 ottobre 2017 per riaffermare il nostro impegno nell’accoglienza dei migranti e dei richiedenti asilo. Cattolici, ortodossi e protestanti, lo abbiamo fatto ecumenicamente, attenti alle considerazioni e alle proposte avanzate da esperti e da esponenti della società civile che hanno contribuito alla nostra riflessione.

Il 3 ottobre ci siamo recati a Lampedusa per fare memoria della tragedia del 3 ottobre del 2013 quando, a poche miglia dall'isola, morirono 368 migranti. A conclusione di questi incontri e di questa commemorazione, rivolgiamo alle nostre chiese e agli organismi ecumenici in cui siamo impegnati il seguente appello.

Sorelle e fratelli, ricordiamoci sempre che la tutela del migrante e l'accoglienza del profugo e del perseguitato sono al centro della nostra fede in Cristo e dell'amore cristiano che siamo chiamati a predicare e a annunciare. Ricordiamoci che il messaggio biblico che nutre la nostra fede, riconosce al migrante e al profugo che vive in mezzo a noi diritti fondamentali che non possono essere limitati o negati per le nostre convenienze o nel nome dei nostri interessi nazionali.

Ricordiamoci che ogni muro che ci separa dal nostro prossimo e ferma chi fugge da persecuzioni e violenze, ci allontana dall'amore di Dio e dalla sua vocazione ad accogliere e proteggere, così come Lui ci ha accolto e protetto. Fratelli e sorelle, oggi noi rinnoviamo il nostro impegno a provvedere spazi di accoglienza e aiuto, spazi di sicurezza e speranza affinché le persone possano ricostruire le loro vite dopo aver sofferto le ferite della guerra, della sofferenza e della fame. Invitiamo anche i migranti a portare i loro doni, esperienze e voci per rendere più aperte e attente a tutti e tutte le nostre chiese.

Per questo ci opponiamo a ogni politica di chiusura o di spostamento dei confini per prevenire o negare l'accesso a uomini e donne che avrebbero diritto alla protezione internazionale. Per questo oggi rivolgiamo un appello ai nostri governi e alle istituzioni internazionali perché garantiscano passaggi sicuri e corridoi umanitari ai profughi, ai richiedenti asilo e a quanti vivono in condizioni di vulnerabilità e di rischio per la propria vita. Ai decisori politici chiediamo di prendere coscienza dei nuovi fattori economici, politici, militari ed ambientali che spingono alla fuga verso paesi più stabili e ricchi, e di garantire una più ampia e inclusiva interpretazione del diritto alla protezione internazionale e all’asilo.

Per questo esprimiamo il nostro sostegno a politiche di stabilizzazione e di sostegno economico a paesi che oggi non sono in grado di garantire la sopravvivenza e la crescita di tanti loro cittadini. E per questo vogliamo sollecitare le nostre chiese perché premano sui governi e le autorità per promuovere politiche più umane e aperte per i rifugiati, per costruire ponti come strumenti di solidarietà e segnali di speranza. Per questo invochiamo l'aiuto di Dio perché ci aiuti e ci sostenga nel servizio al nostro prossimo che bussa alle nostre frontiere».

Fonte: http://www.vita.it/it/article/2017/10/09/accogliere-nella-fede-la-dichiarazione-ecumenica-di-lampedusa/144738/ 09.10.2017

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Challenges at school for migrants: Overcoming trauma, learning English

COMPARTILHE

 Thousands of young immigrants, many of them making the dangerous journey alone, entered the United States illegally last year — a surge of migration that has created special challenges for the youths, their parents and the schools trying to serve them.

Leia mais...

Avsi In Congo per aiutare i migranti a “casa loro”

COMPARTILHE

Il racconto di Daniela Capoferri, communication officer Avsi in RDCongo, sugli uomini che ha incontrato in cerca di “un domani migliore”. Avsi prova ad aiutarli “in casa loro” agevolando gli incontri tra le banche e i piccoli imprenditori perché come la Capoferri sottolinea «nessuno affronterebbe le spese, le fatiche, i rischi e le umiliazioni di certi viaggi se potesse vivere dove è nato»

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook