A- A A+

UNHCR: Prima evacuazione di 162 rifugiati vulnerabili dalla Libia all’Italia

L’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, ha annunciato oggi l’evacuazione di 162 rifugiati altamente vulnerabili dalla Libia all’Italia, tra cui minori non accompagnati e donne tenute prigioniere per lunghi periodi di tempo.

“Per la prima volta, abbiamo potuto evacuare rifugiati estremamente vulnerabili dalla Libia direttamente in Italia. Un evento eccezionale e uno sviluppo accolto con grande favore che non sarebbe stato possibile senza il grande impegno delle autorità italiane e il supporto del governo libico. Speriamo davvero che altri paesi possano seguire lo stesso percorso,” dichiara Vincent Cochetel, Inviato Speciale dell’UNHCR per il Mediterraneo centrale.

“Molte delle persone evacuate riportano grandi sofferenze, sono state tenute prigioniere dai trafficanti in condizioni disumane e detenute in Libia. Cinque delle donne che sono state evacuate hanno partorito durante il periodo di detenzione, e hanno potuto beneficiare solo delle limitata assistenza medica che siamo riusciti a fornire grazie ai nostri partner sul territorio, come l’IMC – International Medical Corps,” ha aggiunto Cochetel.

Del gruppo di rifugiati di origine eritrea, etiope, somala e yemenita, fanno parte famiglie, madri sole, minori non accompagnati e persone con disabilità. Hanno tutti bisogno di cure mediche e supporto psicologico.

Dopo il rilascio dai centri di detenzione, sono stati accompagnati a Tripoli dallo staff dell’UNHCR che si trova in Libia e poi in Italia, dove sono atterrati in una base militare vicino Roma e sono poi stati trasferiti dalle autorità italiane.

Subito dopo l’arrivo, tutti i rifugiati sono stati sottoposti a controlli medici e, prima di iniziare le procedure di identificazione, sono stati dati loro vestiti invernali e un pasto caldo. Personale dell’UNHCR, inclusi mediatori culturali e esperti legali, era presente all’arrivo per fornire alle persone evacuate informazioni sulla procedura di richiesta di asilo. Successivamente i rifugiati sono stati trasferiti in alcune strutture di accoglienza. Assistenza umanitaria e accoglienza sono forniti dalla Conferenza Episcopale Italiana, attraverso la Caritas.

Al contempo, verrà organizzata nei prossimi giorni una terza evacuazione dalla Libia al Niger, e altri 131 rifugiati potranno essere tratti in salvo.

“Con quest’ultima evacuazione in Niger, il numero totale dei rifugiati evacuati dalla Libia, in sei settimane, raggiungerà quota 392,” riferisce Cochetel. “Tutto questo è stato reso possibile solo grazie all’impegno dell’UNHCR e delle organizzazioni partner. Il sorriso di sollievo sui volti delle persone evacuate è una fonte di ulteriore motivazione ad andare avanti e salvare altre persone. Contiamo davvero sulla solidarietà internazionale affinché ci aiuti a raggiungere l’obiettivo di portare fuori dalla Libia e proteggere 1.300 rifugiati estremamente vulnerabili il prima possibile.”

Cochetel ha concluso dicendo che gli sforzi compiuti devono essere inseriti in un quadro di interventi più ampio volto a costruire un sistema d’asilo, gestire meglio le migrazioni e affrontare il complesso flusso di migranti e rifugiati in Libia e lungo le rotte verso il paese.

Fonte: http://www.csem.org.br/administrator/index.php?option=com_content&view=article&layout=edit 27.12.2017

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

How a Bangladesh court ruling changed the lives of more than 300,000 stateless people

COMPARTILHE

 It's a cool Sunday afternoon in the Geneva camp in Dhaka, Bangladesh. Small crowds have gathered on the settlement's narrow alleys, transfixed by an open-air screen showing a live World Cup cricket match between India and Pakistan. Some boys have painted the Pakistani flag on their faces and chests – the legacy of a past that continues to affect them today.

Leia mais...

World Bank: Easing of migration rules to cut poverty in Asean

COMPARTILHE

Southeast Asian countries like the Philippines will have a better chance of reducing poverty if governments will lift the restrictions to migration, the World Bank said on Monday.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook