A- A A+

L’ONOREVOLE VIGLIACCHERIA DEI SENATORI

di Marco Aime

Il 23 dicembre scorso, in un’aula del senato semivuota, si è consumato uno dei momenti più bassi della recente storia politica italiana. Era l’ultima occasione per approvare una legge che dovrebbe fondarsi sul principio che i diritti sono consustanziali alla persona e non appannaggio di pochi. «Originariamente, nessuno ha maggior diritto di un altro su una parte della terra» ha scritto Kant. Che sull’ospitalità dice: «Non si tratta di filantropia, ma di diritto, la parola ospitalità (Wirthbarkeit) significa il diritto spettante a uno straniero di non essere trattato ostilmente a causa del suo arrivo in territorio altrui».

Per i fautori del “prima gli italiani”, invece, il diritto a vivere decentemente sarebbe dettato dall’autoctonia, dal fatto di essere nati in un luogo piuttosto che in un altro. «Mi sembra una orribile indegnità avere un’anima controllata dalla geografia» rileva il filosofo George Santayana. Tale indegnità è stata invece scelta, voluta o tollerata dalla maggior parte degli esponenti del senato.

Forse c’è qualcosa di peggio che essere cinici, spietati e razzisti: essere vigliacchi. Titolo che si meritano quei senatori che neppure hanno avuto il coraggio di affrontare una discussione sullo Ius soli. Prendersi il rischio di argomentare è troppo per persone piccole come Roberto Calderoli della Lega, che con un trucco della peggior casta, ha chiesto la verifica del numero legale dei presenti in aula (numero mancante) e che ha detto con l’orgoglio dei codardi: «Lo Ius soli è naufragato. Colpito e affondato. Morto e sepolto».

E che dire dei senatori del Pd? Vigliacchi due volte: perché hanno disertato, come quelli di destra, la votazione; perché non hanno dichiarato apertamente, di essere contrari a quella legge proposta dal loro partito.

Seggi vuoti anche tra i 5Stelle, che sui migranti oscillano costantemente senza mai fare una proposta. Si nascondono dietro lo slogan: «Né di destra, né di sinistra». Troppo facile, o si sta dalla parte dei diritti o li si nega.

Ai parlamentari è attribuito il titolo di “onorevole”. “Degno d’onore, onorato, che gode alta reputazione (per meriti, dignità, grado, nobiltà, ecc.)” lo definisce il dizionario Treccani. Quali di queste definizioni si addice a coloro che erano o non erano in aula quel giorno?

Fonte: http://www.nigrizia.it/notizia/lonorevole-vigliaccheria-dei-senatori/blog 27.02.2018

COMPARTILHE
NOTÍCIAS

Brasil quer mais integração com países vizinhos no combate a crimes de fronteira

COMPARTILHE

 Representantes dos governos do Brasil, Argentina, Bolívia, Chile, Paraguai e Uruguai manifestaram hoje (16) intenção de ampliar o trabalho conjunto no combate aos crimes nas fronteiras. “Os crimes são cada vez mais transnacionais, tráfico de pessoas, tráfico de drogas, contrabando de mercadorias, de armas.

Leia mais...

Women refugees: hope in the future

COMPARTILHE

 Amal al-Mustakbal, Hope in the Future, is the name of a cultural center in Bethlehem's Aida refugee camp. This name holds inside of itself many different meanings.

Leia mais...
BIBLIOTECA

biblioteca

O CSEM possui uma biblioteca especializada em migrações abrangendo em seu acervo aproximadamente 3 mil livros, periódicos e revistas científicas de vários países. 

Para consultar nossa biblioteca online visite o site da biblioteca e pesquise em nosso acervo.Horário de funcionamento: segunda a sexta-feira, das 9h às 17h


Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios - CSEM
SRTV/N Edificio Brasília Radio Center
Conj. P - Qd. 702 - Sobrelojas 01/02
CEP: 70719-900 - Brasília - DF / Brasil
Tel/Fax: +55 (61) 3327 0669
O endereço de e-mail address está sendo protegido de spambots. Você precisa ativar o JavaScript enabled para vê-lo.

twitter   facebook